Laboratori per le scuole a cura dell’INFN per il Festival della Scienza di Genova 2023

26 Ott 2023 - 5 Nov 2023
genova
Condividi
 

Dal 26 ottobre al 5 novembre, l’INFN sarà presente nel programma del Festival della Scienza di Genova 2023, a tema Impronte, con una serie di attività, giochi e laboratori per avvicinare bambini e bambine, studenti e studentesse alla fisica e alle scienze.

Esplora le altre attività dell’INFN al Festival: L’INFN al Festival della Scienza di Genova 2023

26 ottobre – 5 novembre, Biblioteca Internazionale per Ragazzi Edmondo De Amicis Magazzini del Cotone, modulo 1, II piano – Area Porto Antico

Dalle biglie alle meraviglie. Conoscere gli atomi senza vederli

Laboratorio per la scuola primaria a cura di INFN 
Un grande foglio bianco, pennarelli, biglie, scivoli, cartoncini e oggetti di diverse forme e materiali possono farci capire i metodi della ricerca? Ebbene sì, perché osservazioni, ipotesi, teorie ed esperimenti sono alla base del metodo scientifico, non importa quali siano gli oggetti studiati. Questo laboratorio ci accompagna nel meraviglioso mondo invisibile degli atomi in modo simile a quello che succede negli acceleratori di particelle: osservando le traiettorie delle biglie che urtano contro un oggetto misterioso se ne può infatti riuscire a scoprire forma e materiale senza guardarlo! Bambine e bambini possono così verificare le loro ipotesi sull’oggetto invisibile e comprendere le relazioni tra gli urti e le forme e i materiali. Proprio come le scienziate e gli scienziati che hanno cercato di comprendere la struttura dell’atomo e i segreti della materia e delle particelle a partire dalle impronte lasciate negli strumenti che le rivelano.

26 ottobre – 5 novembre, Palazzo della Borsa, Sala delle Grida

Sfida all’ultima collisione. Intelligenza artificiale per studiare le particelle di LHC

Laboratorio per la scuola superiore a cura di INFN
Un acceleratore come LHC, presso il CERN di Ginevra, fa scontrare tra loro particelle ad alta energia in modo altamente controllato, così da ricreare le condizioni fisiche risalenti a pochissimi istanti dopo il Big Bang che ha dato inizio all’universo. Da questi urti si ricavano informazioni fondamentali, ottenibili studiando le tracce lasciate dalle particelle all’interno dei rilevatori: indizi inestimabili che, se ben interpretati, portano allo studio e alla comprensione dei componenti principali della materia. Un compito non facile, per cui ci vengono oggi in aiuto algoritmi di intelligenza artificiale. In questo laboratorio si propone un videogioco ad accesso libero basato su simulazioni di dati di LHC per imparare a conoscere dal vivo l’aspetto di queste impronte, identificando quelle delle diverse particelle e confrontando i propri risultati con quelli basati sull’uso di tecniche di intelligenza artificiale precedentemente allenate per lo stesso obiettivo, in una sfida all’ultima collisione.

26 ottobre – 5 novembre, Palazzo Ducale, Sala Liguria  

A caccia di impronte di gravità. La ricerca delle onde gravitazionali

Laboratorio per scuole medie e superiori a cura di INFN e VIRGO 
Questo è un laboratorio per diventare cacciatrici e cacciatori di onde gravitazionali: prodotte in fenomeni cosmici estremi come la fusione di due buchi neri o le stelle di neutroni, sono state rivelate per la prima volta nel 2015. Ora è possibile ripercorrere, in questo laboratorio guidato, i passi degli scienziati e delle scienziate che hanno lavorato a questi esperimenti. Dopo un’introduzione ai concetti di base, come lo spaziotempo e le possibili sorgenti astrofisiche, gli aspiranti cacciatori e cacciatrici scopriranno metodi di rivelazione che utilizzano l’interferenza della luce. Infine, tramite supporti tattili e audiovisivi, dovranno ricercare e identificare onde gravitazionali a partire dai dati reali degli interferometri Virgo e LIGO, gli strumenti che hanno consentito di rivelare queste increspature che così tanto hanno da raccontare sul cosmo e sulla sua storia.

26 ottobre – 3 novembre, feriali ore 9:00 – 16:00, Genova Blue District  

Chi ha nascosto il tesoro negli abissi? Caccia al ladro tra neutrini e cetacei

Laboratorio per elementari, medie e superiori a cura di INFN Sezione di Genova, Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Genova, Associazione Menkab: il respiro del mare 
Le profondità del mare sono uno dei luoghi ancora più inesplorati del nostro pianeta, ma proprio in questi abissi possiamo trovare una connessione tra gli oggetti astrofisici delle profondità dello spazio e i grandi mammiferi marini. Nelle profondità del Mediterraneo si sta costruendo il più grande telescopio sottomarino mai esistito: KM3NeT, progettato per la misura di neutrini prodotti da sorgenti astrofisiche. In questo laboratorio dovrete risolvere il mistero di un tesoro nascosto negli abissi marini, imparando a identificare i cetacei che si aggirano lì intorno dalle registrazioni dei suoni che emettono e dalle fotografie di singoli individui. Ma avranno un ruolo anche le particelle astrofisiche o, meglio, le loro impronte luminose rivelate da KM3NeT. Quale? Per scoprirlo, partecipate anche voi a questa emozionante caccia al ladro!

27 ottobre, ore 09:00 – 13:00, Palazzo Ducale, Società Ligure di Storia Patria 

GRANSASSO VIDEOGAME. Scopri la fisica a colpi di pixel

Laboratorio per scuole superiori a cura di INFN LNGS 
Un imprevisto spaziotemporale ha catapultato l’alieno Zot nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’Istituto Italiano di Fisica Nucleare, situati sotto mille e quattrocento metri di roccia, al centro di una montagna. Per tornare a casa, Zot dovrà aiutare gli scienziati ad avviare quattro esperimenti. E qui entrate in gioco voi: in questo videogame multipiattaforma dovrete esplorare le enormi sale dei Laboratori, cercare oggetti, attivare alcune strumentazioni e risolvere indovinelli. Scoprirete così quali sono le finalità, i componenti e le fasi più importanti degli esperimenti che avvengono nei Laboratori, che riguardano i neutrini solari, le reazioni che avvengono nelle stelle, l’esistenza della materia oscura o la prevalenza della materia sull’antimateria. Potrete giocare singolarmente oppure sfidarvi a vicenda: ora tocca a voi mettervi alla prova per riportare a casa il povero Zot! 

31 ottobre ore 15:30, Palazzo Ducale, Società Ligure di Storia Patria

Hands-On Physics

Presentazione rivolta a docenti delle scuole medie del progetto HOP a cura di INFN
Il progetto Hands On Physics-HOP è un progetto di INFN, CERN e Fondazione Agnelli, finalizzato a promuovere l’insegnamento della fisica nelle scuole secondarie di I grado, utilizzando un approccio laboratoriale. Le docenti e i docenti che decideranno di partecipare al progetto e a una delle sessioni di formazione, che si terranno in diverse sedi in Italia a partire da novembre, riceveranno gratuitamente un kit didattico che permetterà loro di svolgere in classe, assieme a studentesse e studenti, numerose attività ed esperimenti. All’interno del kit saranno disponibili i materiali e le guide pedagogiche da utilizzare a lezione per sviluppare più di venti attività ed esperimenti didattici legati ad argomenti quali metodo scientifico, pressione, luce ed elettricità. Nel corso del pomeriggio, il progetto e il kit didattico saranno presentati in dettaglio ai docenti e alle docenti, a partire da un’attività laboratoriale da condividere e discutere tra i partecipanti.